Progetti eolico-industriali sempre più devastanti minacciano le connessioni ecologiche dell’Appennino Centro-Settentrionale

Il WWF informa la collettività che in merito ai progetti eolico-industriali che minacciano l’area circostante il Monte Fumaiolo, oltre ad aver predisposto insieme ad Italia Nostra, ricorso avverso al progetto della Biancarda (13 torri alte 120 metri) ha appena provveduto alla consegna delle osservazioni riguardanti l’altro, ennesimo, mega-progetto “Tre Vescovi-Fresciano” dei comuni di Verghereto, Casteldelci e Badia Tedalda (36 torri alte 180 metri) che interesserà da vicino la località delle Balze.

Con buona pace del Comune di Verghereto e dei pochi che trarranno vantaggi economici dalla “svendita-saccheggio” di questo territorio, si assesterà così un duplice colpo letale al paesaggio, alle connessioni ecologiche poste fra l’Appennino Settentrionale e Centrale e alle specie faunistiche che vi dimorano (come ad es. l’Aquila reale) ed anche all’economia locale legata al turismo ambientale attratto da questi paesaggi.

Immaginiamo che nella pubblica udienza che si terrà domani alle Balze organizzata finalmente dai progettisti,  ma “ahinoi” fuori tempo utile per le osservazioni, tutti questi aspetti saranno considerati superflui rispetto alla “fame di profitto” rappresentata dall’affare dei certificati verdi.

>> Leggi tutto il documento

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Comunicati stampa. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Progetti eolico-industriali sempre più devastanti minacciano le connessioni ecologiche dell’Appennino Centro-Settentrionale

  1. Pingback: Progetti eolico-industriali sempre più devastanti minacciano le connessioni ecologiche dell’Appennino Centro-Settentrionale | Rete di Salvaguardia del Territorio

I commenti sono chiusi.