Allarme a monte la Fine (provincia di Bologna al confine con la Toscana) per un altro tentativo della speculazione eolica. Si tratta dei soliti noti?

Un ennesimo, estemporaneo e colossale (20 MW) progetto eolico nelle montagne (senza vento utile) del bolognese. Questa volta tenta il colpaccio, degno del Superenalotto, persino una ditta di mangimi… Prima di occuparci più in dettaglio del progetto nei prossimi giorni, pubblichiamo di seguito lo sfogo di un resistente della prima ora della provincia di Bologna.

I fatti gli stanno dando pienamente ragione circa i suoi timori di qualche anno fa.

I suoi insistiti richiami alla guerra di Resistenza derivano dal fatto che tutti i siti interessati da questo nuovo, sgradito, interesse speculativo sono gli stessi dove, meno di settant’anni

fa, si è combattuta la gran parte della lotta partigiana in Italia. Non per caso: i crinali dove si vogliono costruire gli impianti eolico-industriali nell’alto Appennino sono gli stessi, trattandosi delle zone più impraticabili dell’intera area alle spalle del fronte, dove i partigiani potevano sperare di sfidare l’ (apparentemente) invincibile invasore con qualche speranza di successo.

 "Tutti a casa" quando Sordi, alla fine del film, ritrovando il suo onore da ufficiale italiano, disse: ".........e no, non si può star sempre a guardare"

“Tutti a casa” quando Sordi, alla fine del film, ritrovando il suo onore da ufficiale italiano, disse: “………e no, non si può star sempre a guardare”

Anche le enormi e costosissime macchine che si vorrebbero installare arrivano, in genere, dalla stessa terra da cui venivano gli invasori di allora. Ma questo è solo un caso. O forse no? Non sarà che qualcuno, lassù, continui ancora a pensare, come 70 anni fa, che gli Italiani debbano fare solo i cantanti e i camerieri (o i montatori delle pale costruite in Germania) mentre dell’industria e della finanza vorrebbero occuparsene solo loro?

Che bello l’eolico nell’alto Sillaro!

Questa mattina 4 gennaio 2013 mentre tornavo a Giugnola proveniente dal passo della Raticosa, arrivato all’altezza di Sasso San Zenobi, ho provato a immaginare un prossimo futuro. Alle spalle mi ero appena lasciato a 2 km le 17 pale del Parco del Carpinaccio, sulla sinistra, un po’ più sullo sfondo (ad una distanza relativa di 10 km) quello di Cedrecchia e più a Nord, sul crinale a scendere di fronte a me, le 16 pale dei Casoni di Romagna a 5/6 km. Per completare il giro di orizzonte mancava giusto quello di Giugnola (che la Tencom vorrebbe fare) sul Sasso di Monte la Fine: 8 pale, sul crinale a scendere di fronte a me (a 6/7 km) spostato a sud proprio sopra al paese di Giugnola.

Come purtroppo si supponeva (circa 5 anni fa) col primo impianto dei Casoni, ne sarebbero arrivati altri ed altri ancora… E mi sono sentito come un indiano d’America, quando li hanno invasi, poi uccisi e quelli rimasti confinati nelle riserve per turisti.

Il fatto è che il paesaggio non si può spostare. Si può solo uccidere. Ed è quello che sta accadendo sotto i nostri occhi.

E nessuno si ribella!!!!

Ho sentito diversa gente locale dichiararsi contraria, ma nessuno alza un dito. Gente attendista che sta alla finestra qui nelle terre dei Partigiani.

Ho un senso di disgusto… anche se spero sempre nello scatto di dignità come in “Tutti a casa” quando Sordi, alla fine del film, ritrovando il suo onore da ufficiale italiano, disse: “………e no, non si può star sempre a guardare”.

Lupo spelacchiato

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Allarme a monte la Fine (provincia di Bologna al confine con la Toscana) per un altro tentativo della speculazione eolica. Si tratta dei soliti noti?

  1. Pingback: Allarme a monte la Fine per un altro tentativo della speculazione eolica. Si tratta dei soliti noti? | Italia Nostra Onlus – Sezione di Firenze

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...