Assoelettrica e sindacati insieme nel pretendere il capacity payment

Quei soldi servono a tenere in vita le centrali tradizionali (che le rinnovabili hanno messo fuori gioco senza fornire però una alternativa accettabile)

Quando il vento non c'è la barca non va

Quando il vento non c’è la barca non va

I nodi alla fine vengono tutti al pettine. Oggi un trafiletto su Repubblica (niente meno! Forse i conti poco brillanti di Sorgenia hanno fatto crollare la cieca fiducia di quel giornale sulle magnifiche sorti e progressive delle rinnovabili elettriche?), come da rassegna stampa Assoelettrica,  ci informa di un fatto invero molto curioso. Pare che qualcuno si sia improvvisamente reso conto che l’elettricità serve al bisogno, e non solo quando soffia il vento o splende il sole. Ma pensa un po’ che strano! Non importa: a tutto c’è rimedio. Basta qualche centinaio di milioni (o un paio di miliardi?) e tutto si risolve.

E così è stata spedita la letterina a Babbo Natale (pardon: al Ministro dello Sviluppo economico Zanonato) da Assoelettrica e … dalla Triplice sindacale ( ! ) che insieme chiedono disperatamente, e subito, i soldi del capacity payment per evitare il collasso del sistema elettrico nazionale causato – si ammette – dalle rinnovabili. Ma la UIL non aveva firmato un protocollo con l’ANEV e la Fiom non si era scagliata solo pochi giorni fa proprio contro il provvedimento inserito nella legge di stabilità per reperire quei fondi sottraendoli, correttamente, agli smisurati incentivi pubblici graziosamente erogati proprio alle FER elettriche colpevoli del disastro? Ma allora questi Signori che cosa vogliono, improvvisamente? Forse degli altri fondi statali? E proprio adesso, mentre a tutti gli italiani “normali” arrivano giornalmente richieste di sempre nuove tasse?

Poveri cari!

Alberto Cuppini

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Assoelettrica e sindacati insieme nel pretendere il capacity payment

  1. tamerlano ha detto:

    trattasi evidentemente, e non è una novità, di soggetti (cir, uil, anev, cgil, and so on) tutti pronti a interpretare un ruolo di passività beninteso implementando le terga altrui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...