Sugli impianti FER Galletti come un ayatollah: “Credere fino in fondo, vincendo le resistenze locali”

Sconcertante scivolone del neo Ministro dell’Ambiente proprio alla vigilia delle elezioniGalletti-300x238

Ci stiamo convincendo sempre di più, Governo dopo Governo, che a Roma, al Ministero dell’Ambiente, aleggi qualcosa di misterioso ed inquietante, degno di un X file.

Come in un film di fantascienza, chiunque raggiunga l’ambita poltrona di Ministro dell’Ambiente viene contagiato, entro poche settimane dal suo insediamento, da una misteriosa sostanza (un virus? un gas?) che lo rende succube degli onnipotenti sacerdoti ministeriali che, nel tempio di via Cristoforo Colombo, officiano il misterico culto degli impianti a energie rinnovabili.

Ci è infatti capitato di leggere l’incredibile intervista recentemente concessa a “Rinnovabili” (“il quotidiano della sostenibilità ambientale”) dal Ministro Gian Luca Galletti, con affermazioni improntate al principio, schiettamente razionalista, del “Dio lo vuole!”

Eppure l’esordio di Galletti nel nuovo Dicastero ci aveva fatto ben sperare. Si può leggere qui l’irritatissima reazione di “Qualenergia” all’equilibrata dichiarazione del neo Ministro dell’Ambiente durante il Consiglio ambiente dell’UE a Bruxelles del 3 marzo scorso. Galletti si era pronunciato in quella sede a sostegno della proposta della Commissione europea sul “pacchetto clima energia per il 2030”, che, per la prima volta, aveva cercato di porre un argine agli inesausti appetiti dei lobbysti delle rinnovabili elettriche.

Ma la posizione autonoma di Galletti è durata poco. Ecco infatti il fulmine a ciel sereno dell’intervista a “Rinnovabili”. Leggiamone alcuni passaggi (in corsivo):

“Per garantire il raggiungimento degli obiettivi dobbiamo credere fino in fondo anche a quelle rinnovabili su cui si sono individuate criticità, come l’eolico e la biomassa, vincendo le resistenze locali che spesso finiscono per bloccare questi processi che sono indispensabili per l’ambiente ma anche per lo sviluppo economico.”

Todo modo, dunque. Esagerato! Capiamo il desiderio di di Galletti di compiacere l’intervistatore (Mauro Spagnolo), ma quando è troppo è troppo. Questa posizione, fideistica e totalizzante, ricalca fedelmente quella della direzione nazionale di Legambiente sull’ “eolico senza se e senza ma”, recentemente ribadita da un suo alto dirigente in questa lettera aperta indirizzata al Governatore della Puglia Nichi Vendola, il politico di fama nazionale che finora aveva sostenuto con più determinazione l’installazione di questi impianti industriali. Ma anche Vendola si è dovuto arrendere alla evidenza dei disastri commessi in Puglia ed ha osato esprimere i propri dubbi (sacrilegio!) in questa intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno.

Ma torniamo all’intervista al Ministro Galletti:

MS: Quindi rinnovabili senza limiti…

GG: Rinnovabili senza limiti, ma anche senza abusi e con tanta ragionevolezza e determinazione. Mentre possono esserci situazioni in cui è difficile immaginare l’inserimento delle rinnovabili – centri storici con particolari vincoli o territori con forti valenze ambientali – nella maggior parte dei casi le resistenze locali sono ingiustificate. Bisogna distinguere: dove si può fare e dove il buon senso consiglia di non farlo”.

Meno male! Con questa compromettente e coraggiosa dichiarazione possiamo stare tranquilli: forse riusciremo ad evitare le pale eoliche alte 200 metri in Piazza San Pietro e in cima alle Tre Cime di Lavaredo.

Siamo però fiduciosi che Galletti (ripreso in questo filmato  mentre partecipa con guanti, sacco nero, giacca e cravatta alla manifestazione di Legambiente “Let’s clean up Europe”, svoltasi due settimane fa a Bologna, suo bacino elettorale) cambi idea su queste opinioni prone alle posizioni di Legambiente a Roma. Sappiamo infatti che il Ministro è capace di riconoscere i propri errori. Ne abbiamo la prova. Infatti, continuando a leggere l’intervista di Spagnolo, ci imbattiamo nel tema del nucleare:

“MS: E Il nucleare si riaffaccerà all’orizzonte?

GG: Lo escludo tassativamente. Su questo sono stato particolarmente chiaro fin dall’inizio”.

Galletti sosteneva tutt’altro fino a pochissimo tempo fa.

Lo affermava in quest’altra intervista (immediatamente riproposta in rete alla notizia della sua nomina a Ministro) pubblicata sul webzine “Sottobosco” che la giornalista Lou Del Bello, appassionata di tematiche green, aveva realizzato a tutti i candidati a Presidente di Giunta della Regione Emilia-Romagna alla vigilia delle elezioni regionali del 2010, in cui Galletti avrebbe ottenuto il … 4% dei voti.

Eppure quel misero risultato elettorale potrebbe avere rappresentato il suo massimo storico di preferenze (nella sua stessa regione…) se il Ministro Galletti alla vigilia del voto – che è l’unico momento in cui in Italia si contano le teste e non i miliardi – continuerà a lanciare dichiarazioni di guerra ad una miriade di comitati di cittadini esasperati dalla protervia degli speculatori delle rinnovabili, ignorando la potenzialità delle reti telematiche e privilegiando quegli stessi poteri forti che pure condizionano con tanta efficacia i Ministeri romani.

Alberto Cuppini

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sugli impianti FER Galletti come un ayatollah: “Credere fino in fondo, vincendo le resistenze locali”

  1. tamerlano ha detto:

    “…chiunque raggiunga l’ambita poltrona di Ministro dell’Ambiente viene contagiato, entro poche settimane dal suo insediamento, da una misteriosa sostanza (un virus? un gas?) che lo rende succube degli onnipotenti sacerdoti ministeriali che, nel tempio di via Cristoforo Colombo, officiano il misterico culto degli impianti a energie rinnovabili.”
    “A pensar male si fa peccato…” diceva un maestro della stessa area politica.

  2. mariarita ha detto:

    ma il ministro sa che le pale vanno con il vento?……..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...