Ancora pale sulle colline pisane: questa volta tocca al Poggio alla nebbia, nel Comune di Chianni

Aerogeneratori alti complessivamente 175 metri! Si tratta dell’ennesimo progetto della ditta Fera, vecchia conoscenza dei comitati della Rete della Resistenza sui Crinali e troppo spesso agli “onori” delle cronahe. Dal locale comitato una petizione online e la richiesta di tutto il sostegno possibile.


Anche nel Comune di Chianni si torna a parlare di “eolico selvaggio” con il progetto della ditta Fera srl, balzata di recente alle cronache nazionali in seguito all’arresto dell’ex Ministro Scajola, di installare un nuovo mega-impianto eolico in località Poggio alla Nebbia. L’impianto è davvero di dimensioni non trascurabili, prevedendo l’installazione di 5 torri eoliche alte ben 175 m sulla cima di un colle di 570 m, con piena visibilità a 360° e con facilmente immaginabili impatti devastanti.

A Chianni, alcuni cittadini, il giorno 3 ottobre, hanno costituito un comitato in opposizione al progetto. Siamo ancora all’inizio, inesperti, con mille cose da capire e da imparare. Ma siamo determinati a batterci contro lo scempio che intendono fare sul nostro territorio, già abbondantemente aggredito in tempi recenti e recentissimi.

Abbiamo un sito web, anch’esso neonato come il comitato.

Dal sito è raggiungibile anche la nostra petizione online da inviare al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e che invitiamo tutti a sottoscrivere.

Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti.
Grazie per la vostra attenzione.

A nome del Comitato “Poggio alla Nebbia – No all’eolico selvaggio”
Eric Perrone

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ancora pale sulle colline pisane: questa volta tocca al Poggio alla nebbia, nel Comune di Chianni

  1. paola ha detto:

    Bisogna incentivare unicamente impianti elettrici e termici ad utilizzo di abitazioni, industrie e edifici pubblici. Sono sicura che il vento che spira a Chianni sia lo stesso che spira a Pisa … fategli fare le torri vicino alla torre pendente … basta speculazioni della green economy …

  2. Ringraziamo sentitamente RRC che dà spazio sul suo sito alla nostra lotta contro la creazione del mega-parco eolico di Poggio alla Nebbia.
    Non riusciamo davvero ad immaginare come sia possibile distruggere un territorio, con il suo paesaggio e la sua cultura, per un progetto di dimensioni faraoniche sulla cui utilità ci sentiamo di esprimere qualche dubbio: se è vero che la produzione di energia elettrica mediante le rinnovabili può contribuire a ridurre le emissioni da combustione, è anche vero che non può eliminarle! C’è poco da fare: il fabbisogno quotidiano minimo di energia elettrica non può essere soddisfatto da un parco eolico, proprio per l’inaffidabilità del vento: oggi il vento c’è, domani chissà… Dunque, la risposta finale al problema della produzione sostenibile di energia, non può risiedere nell’eolico.
    E allora, in attesa di questa risposta, anziché sacrificare i nostri territori, non sarebbe meglio contribuire alla riduzione delle emissioni con progetti “misurati” sulle caratteristiche degli ambienti umani e naturali? Magari con proposte sinergiche ed integrate (eolico + fotovoltaico per uso domestico, unito a criteri di costruzione e isolamento energetico delle abitazioni e delle installazioni umane). Credo che di soluzioni se ne potrebbero trovare tante, basterebbe cercarle. Purtroppo la politica segue altre strade e non mette fra i suoi obiettivi quello di salvaguardare il territorio e le persone che ci vivono.
    Non possiamo aspettarci nulla di buono dai nostri amministratori, in Regione e più su. Dunque sta a noi difendere i nostri territori ed il nostro ambiente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...