Eolico industriale: perchè tanto accanimento contro le montagne tra Pontremoli e Borgotaro?

L’attacco di saturazione al crinale tra le province di Parma, Massa e La Spezia, attuato in questi ultimissimi anni dai costruttori di eolico industriale, è stato il più intenso, metodico e pernicioso di tutta l’area nord appenninica.

Prendendo come riferimento l’alta val Parma e l’alta val Taro, tra progetti ritirati, bocciati e realizzati, abbiamo rilevato, partendo da est e proseguendo verso ovest: il progetto Cisa-Cirone (ritirato) e il progetto Monte Giogallo (ritirato) entrambi nel comune di Pontremoli; il progetto passo Bratello (ritirato) nel comune di Borgotaro; il progetto di Zeri (realizzato); il progetto passo della Cappelletta nel comune di Varese Ligure (realizzato); il progetto monte Scassella, realizzato a metà (montati i pali senza navicelle) nel comune di Albareto; il progetto Passo Centocroci, realizzato ma non funzionante per mancanza di centralina di raccolta energia (comune di Tornolo) e il progetto nuovo Cento Croci Enernova, in attesa di realizzazione; il progetto Casale (ritirato) sempre nel comune di Tornolo; il progetto Santa Donna (in sospeso) nel comune di Borgotaro; e, ancora nel comune di Borgotaro, il progetto Tiedoli (realizzato) e il progetto Monte Piano – “microeolico” da 40 metri! – (parzialmente realizzato).

Per avere un’idea dell’impatto paesaggistico di tali progetti, se realizzati, basti pensare che salendo sulla cima del Monte Molinatico (tra il comune di Pontremoli e quello di Borgotaro) si sarebbero potute vedere TUTTE le pale di TUTTI questi impianti ruotando lo sguardo da Est a Sudovest di 140 gradi! Alla faccia della Costituzione della Repubblica Italiana e delle leggi sulla tutela del paesaggio, della fauna, delle zone d’interesse archeologico, della flora, della prevenzione del dissesto idrogeologico eccetera.

Se ciò non è ancora del tutto avvenuto è anche merito dei comitati spontanei che hanno permesso di mettere sotto pressione i politici locali.

Tutti questi impianti hanno ragione d’esistere solo se super incentivati, perché da noi il vento non è qualitativamente e quantitativamente adatto ad essi. Prova ne sia che, con la modifica nel 2012 dell’incentivazione statale tramite il nuovo sistema dei contingentamenti annuali assegnati con le aste competitive al ribasso, l’onda barbara e travolgente dell’eolico industriale nel nostro territorio, proprio perchè privo di remunerativo vento utile, si é trasformata in risacca stagnante. Una risacca che però rischia di trasformarsi in un qualsiasi momento, sotto la fortissima pressione sui decisori politici esercitata dalla lobby eolica a Roma, in uno tsunami.

E comunque qualcosa ancora, sotto la superficie, si muove: la comparsa di nuovi anemometri più piccoli suggerisce l’idea di “microeolico” come surrogato al macro. Pur di non rinunciare a qualche strada nuova, a qualche betoniera di calcestruzzo da sversare sui crinali dei nostri monti. In questi tempi di magra i nostri costruttori eolici son diventati di bocca buona. Meglio poco che niente, meglio venti pale sicure da quaranta metri che dieci da cento di improbabile incentivazione… Ma il danno ambientale, le ferite al territorio restano. Ferite più piccole ma più numerose.

Ci sarebbero poi tante altre storie da raccontare, storie di “sensazioni”, di “sentito dire”, di conclusioni personali tratte dall’evidenza dei fatti. Quello che è emerso alla luce del sole e che stato realizzato, da solo, è però già più che sufficiente per allarmare. Le altre storie, per ora, si possono solo raccontare, come si fa quando si racconta una fiaba ad un bambino per spaventarlo, a chi fosse interessato a domandarsi il perchè di tanto accanimento contro la nostra terra.

CISATEL (comitato interregionale salvaguardia Appennino tosco-emiliano-ligure)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Eolico industriale: perchè tanto accanimento contro le montagne tra Pontremoli e Borgotaro?

  1. Franco ha detto:

    Perchè perchè…. è una domanda retorica, vero? €€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€
    €€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€!!!!!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...