Un paladino storico della resistenza all’eolico selvaggio al vertice di Italia Nostra

Oreste Rutigliano è il nuovo Presidente nazionale della benemerita associazione che tutela il patrimonio storico e le bellezze naturali del nostro Paese.

rutigliano

Oreste Rutigliano, qui accanto a Vittorio Sgarbi, ad una delle innumerevoli manifestazioni contro un impianto eolico a cui ha partecipato negli ultimi quindici anni.

Con somma partecipazione porgiamo al neo Presidente le congratulazioni della Rete della Resistenza sui Crinali. Ecco di seguito il resoconto della bella notizia, nel comunicato stampa di Italia Nostra:

È Oreste Rutigliano il nuovo Presidente nazionale dell’Associazione Italia Nostra. La “crisi di governo” scoppiata nella seduta del Consiglio direttivo del 6 maggio 2017 è stata prontamente risolta in soli 20 giorni con una sola seduta del Consiglio direttivo nazionale che ieri, 28 maggio, ha preso atto delle dimissioni dell’ex Presidente Marco Parini e ha eletto i nuovi organismi statutari. Si sono così risolte divergenze di orientamento maturate all’interno del Consiglio direttivo nazionale su questioni amministrative e di mancata trasparenza in molte scelte. Nominati quindi i Vice Presidenti nelle persone dell’architetto Cesare Crova, la professoressa Maria Rosaria Iacono e l’avvocato Maria Paola Morittu.
Oreste Rutigliano guiderà l’Associazione fino alla scadenza naturale del Consiglio nazionale nel settembre 2018. Oreste Rutigliano milita in Italia Nostra dal 1971 e per 20 anni è stato Vice Presidente della sezione di Roma accanto all’allora Presidente Antonio Cederna. Si ritiene suo allievo e intende, come ha sempre inteso, ispirarsi ai rigorosi principi che Antonio Cederna seppe diffondere a vantaggio della tutela e della conservazione del paesaggio, dei Centri storici e dei beni culturali. Si è principalmente occupato di questioni urbanistiche, di aree protette metropolitane, del paesaggio delle aree interne e marginali, e in particolare di tutti i fattori di distruzione del paesaggio italiano.
Il programma per quanto riguarda l’organizzazione interna si ispirerà ai principi di massima trasparenza e austerità mentre intende rafforzare la capacità di comunicazione delle idee di Italia Nostra. All’ordine del giorno, tra le questioni da affrontare vi è prima fra tutte l’indebolimento progressivo delle funzioni di tutela del Ministero dei Beni culturali e la perdurante noncuranza di tutte le istituzioni verso il nostro paesaggio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...